Siliconi

“Queste formelle, chiamate Siliconi, presentate a Napoli, a Cosenza, a Roma, oltre a testimoniare il principio di sperimentazione che informa il procedere dell’artista, generano una fruizione lenta, una lettura circolare, fatta di contrappunti, di momenti di sosta, dove la superficie appare come un  piccolo mondo “pieno” di accadimenti. 

Alla molteplicità del significato, che può diventare metafora di ogni complessità, concorre anche la centralità della  luce, generata proprio dalle qualità del silicone sul colore. 

Luce non metafisica, quanto mai materiale, che svela le sue fasi costruttive e che  illumina le diverse zone cromatiche ogni volta in maniera diversa a seconda del suo essere diretta o radente, generando un’immagine mai uguale a se stessa.”

 

Lucilla Meloni, Le trame dell’arte tra pittura, legno, silicone, carta, lana, seta. Testo contenuto nel catalogo della mostra: Luigi Battisti, Opere, Ufficio Culturale del Consolato Italiano, Shanghai, 2006